Orari Segreteria

Orario Mattina:
da Lunedì a Venerdì 
dalle ore 9.00 alle ore 13.00

Orario Pomeriggio:
Martedì e Giovedì
dalle ore 16.30 alle ore 19.30

albo2

 amministrazione trasparente2 

  

fatturapa 

  

 

 

Login

Riforma della Professione di Perito Industriale

La Legge n. 89 del 26 maggio 2016 recante “Disposizioni urgenti in materia di funzionalità del sistema scolastico  della ricerca” ha fissato nella laurea triennale il requisito indispensabile per accedere all’albo dei Periti Industriali. 

Il testo prevede, comunque, un periodo transitorio per i diplomati vecchio e nuovo ordinamento che, dall’entrata in vigore della legge (29 maggio 2016), avranno ancora cinque anni di tempo per iscriversi ai nostri albi alle medesime condizioni e con le medesime competenze. 

Si ribadisce che nulla cambia per gli attuali iscritti all’albo con il diploma (né per quelli che si iscriveranno durante il periodo transitorio) che, quindi, non saranno obbligati ad innalzare il loro titolo di studio; ovviamente potranno certamente farlo, ma in via esclusivamente volontaria, anche usufruendo degli accordi già siglati tra il CNPI ed alcuni atenei.

Diventa quindi indiscutibile l’applicabilità del principio dell’assimilazione contenuto nella Direttiva qualifiche (2005/36/CE e 2013/55/UE), secondo il quale se in uno Stato membro viene innalzata la formazione di accesso ad una professione, gli attuali iscritti che si trovano con un titolo di studio inferiore sono automaticamente equiparati al livello professionale superiore; si tratta di una previsione della direttiva qualifiche per la quale la nostra Categoria si è battuta a lungo e che è stata puntualmente ripresa nel D.Lgs. 6 novembre 2007, n. 206 contenente l’Attuazione della direttiva 2005/36/CE relativa al riconoscimento delle qualifiche professionali (vedi anche il D.Lgs. 28 gennaio 2016 attuativo della direttiva 2013/55/UE). Naturalmente per lo stesso principio restano immutate anche le attuali competenze.

Dunque, con questo provvedimento la categoria resta a tutti gli effetti in Europa, rispettando le sue Direttive e il principio secondo il quale per esercitare una professione intellettuale e mantenere il livello D della direttiva qualifiche (36/2005) è necessario un titolo di Laurea almeno triennale.

Chi sono i periti industriali

Legge n. 89 del 26 maggio 2016